Utenti online

Ritorna con successo la 29° Strabenevento

nella foto il vincitore Hicham Boufars

Benevento, domenica 1°maggio. C’è qualcosa che ha a che fare con la magia o forse con le streghe, per rimanere in loco, perchè in questa giornata si avverte una trasformazione nell’aria.

Ancora una volta la magia si è ripetuta: dopo due anni senza gare in città è tornata la Strabenevento, in una luminosa domenica primaverile, con i suoi colori, le sue canotte, i sorrisi dei bambini ed il giallo delle t-shirts a simboleggiare la rinascita.

La 29° edizione della gara che rappresenta a pieno titolo la manifestazione storica della città di Benevento si è svolta regolare e puntuale come sua consuetudine. 

Alle 9.15 lo start alla 10 km targata FIDAL con 470 atleti al traguardo che hanno potuto ammirare l’oggettiva bellezza del tracciato che, nei suoi 2 giri classici, ha toccato monumenti di interesse nazionale come l’Arco Traiano, la chiesa di Santa Sofia con la location di partenza ed arrivo sotto la Rocca dei Rettori.

La gara: il podio parla chiaro con la bandiera del Marocco a monopolizzare i tre gradini, visto che i 3 magrebini hanno da subito distanziato il plotone degli italiani, con l’allungo decisivo di Hicham Boufars al 4,500 km sul corso Garibaldi ai danni di Youssef Aich. Tra le donne troppo più forte Francesca Maniaci capace di vincere tutte le gare a cui ha partecipato da inizio anno e di imporre una media di 3.42/km. Vittoria assoluta per Hicham Boufars in 29.42 media 2.58/km e seconda vittoria alla Strabenevento dopo quella del 2018, alle sua spalle Aich in 30.13, quindi Ismail Adim 30.46. In campo femminile podio italiano - 66 donne al traguardo - con la vittoria di Francesca Maniaci in 36.51, davanti a Filomena Palomba 37.09 e Giusy Lamula 39.15. Nella speciale classifica dedicata alle Società vittoria dell'Isaura Valle dell'Irno sui Lions Valle Ufita ed il Marathon Club Ariano.

Ecco tutti i tempi in real-time dei nostri in gara: Maurizio Mauro 38.15, Carlo Insogna 38.51, Giannino Adamo 40.15, Giuseppe Ucci 41.47, Vincenzo Quaranta 42.01, Antonio Dente 42.41, Enrico Pinto 42.46, Alessandro Cefalo 44.19, Mario Mangano 45.20, Mario Di Pierro 45.22, Massimo Corona 45.52, Gerardo Tarantino 46.48 e primo nella ctg SM75, Mennato Tedesco 46.49, Tetyana Yaremyn 47.09, Anna Ucci 47.17, Agostino Cefalo 47.49, Fabiana Lepore 48.02, Pasquale D’Oro 48.21, Maurizio Mazzone 48.50, Manuela Forgione 49.13, Domenico Russo 49.32, Daniela Zambrano 49.33, Luca Fusco 49.47, Flavio Castaldo 50.09, Michele Pezza 50.19, Giampiero Vosa 51.03, Marco Cafasso 52.31, Micaela Inglese e Patrizia Cavuoto 53.46, Mauro Bosco 54.09, Mario De Bellis 57.50, Pasquale Zagarese 1.02.24.

A seguire le premiazioni interne all’APB che hanno visto il ricordo commosso di Vincenzo Iele e Fabio Ruotolo.

Alle 11.30 è scesa quindi in strada la città di Benevento. Centinaia di magliette gialle con lo slogan “Run for future” ed un messaggio rivolto alla salvaguardia del pianeta, hanno colorato le vie del centro in un atmosfera gioiosa che per qualche minuto ci ha fatto completamente dimenticare tutto ciò che è accaduto negli ultimi due anni.

Un ringraziamento speciale a tutti coloro che hanno partecipato alla manifestazione in qualsiasi modo, come volontari, come sponsor e come partecipanti. Un ringraziamento al Comune di Benevento ed alle sue Istituzioni ed alle tante associazioni di volontariato che hanno supportato l’evento.

Un complimento particolare al neo Presidente Raffaele Zollo ed al suo Direttivo per questa “prima assoluta”, con l’augurio che sia l’inizio di una lunga serie di successi. Per la Redazione - p.d.t. - 3 maggio 2022

Archivio news