Utenti online

Le gare del week-end:10 marzo

nella foto a sx chiara beatrice; a dx cesare barbieri, iuliana moraru ed alessandro palazzi

Ci avviamo velocemente verso la fine della stagione agonistica autunno-inverno, un periodo dell’anno in cui sono tanti gli appuntamenti internazionali di corsa su strada e, ancora una volta, i nostri tesserati hanno portato lo stemma APB all’interno delle competizioni. Il nostro resoconto:

Roma domenica 10 marzo: edizione nr. 45 della classica “Roma-Ostia” la mezza maratona internazionale Fidal che da sempre caratterizza questo periodo dell’anno. Un calendario podistico sempre più schiacciato dalle tante coincidenze si ripercuote anche sulla Roma-Ostia……sono finiti evidentemente i tempi dei dodicimila partecipanti a questa manifestazione. Oggi sono stati 8456 i finisher sulla 21 km che si snoda per buona parte sulla Cristoforo Colombo, la lunga strada senza curve che dal cuore dell’EUR si dirige verso il litorale di Ostia. Noi continuiamo a sostenere che non è certo dal numero degli arrivati che si può misurare la valenza di una manifestazione, ma sono piuttosto i servizi (ottima organizzazione) ed il gradimento dei runners partecipanti a decretare o meno il suo successo. Poi è chiaro ed evidente a tutti che manca ormai “la fame” del gareggiare da parte del podista medio, perchè questi ha modo di “saziarsi” tutte le domeniche con decine e decine di gare che si svolgono un pò dovunque, mentre fino a pochi anni fa, ad esempio, la Roma-Ostia era per il sud-Italia il primo vero importante appuntamento dell’anno. Giornata abbastanza buona per correre con un pò di vento nella seconda parte (quando ci si avvicinava al mare..) e, triplette africane sia in campo maschile che femminile, con l’etiope Guye Adola a vincere in 1.00.17 media 2.51/km, davanti al keniano Yegon 1.00.23 ed al connazionale Kangogo 1.0107. In campo femminile vittoria della keniana naturalizzata israeliana Salpeter in 1.06.40, davanti alle keniane doc Kipyokei 1.07.13 e Kwambai 1.07.50. Primo italiano al traguardo il carabiniere Stefano La Rosa settimo in 1.02.29 e tra le donne l’azzurra Layla Soufyane in 1.12.30. Presenti in gara anche 4 nostri atleti, con Cesare Barbieri che ha chiuso in 1.30.46 media 4.18/km, quindi Domenico Errico 1.31.27, Alessandro Palazzi 1.33.43, Iuliana Moraru 1.52.23 e personal best. Complimenti ai nostri ragazzi!

Londra domenica 10 marzo: al suo secondo anno di vita la “Vitality big half marathon” ha già conquistato il cuore di molti. Sarà il fascino perpetuo della capitale britannica, la bellezza delle sue strade o il festival di colori e cultura portato dalla manifestazione, ma di sicuro quasi 14.000 partecipanti hanno riempito le strade sin dal primo mattino in una giornata meteo non facile tipicamente londinese (con l’aggiunta del vento…) ed impreziosita dalle due stelle presenti in gara, sir Mo Farah e Charlotte Purdue. I pluricampioni olimpici hanno onorato alla grande la manifestazione, non limitandosi a fare da testimonial, ma vincendo davanti a tutti. Il mezzofondista britannico, di recente spostatosi sulle lunghe distanze, ha vinto con il crono di 1.01.15 media 2.54/km, mentre la Purdue si è affermata in campo femminile in 1.10.38. Organizzazione perfetta - ma c’erano pochi dubbi - e non pochissimi gli italiani che hanno scelto la formula weekend e gara per testare il proprio standard sulla mezza maratona. Tra questi la nostra Chiara Beatrice, a cui rivolgiamo i nostri complimenti, che ha chiuso con il tempo di 2.07.29.

San Giuseppe Vesuviano domenica 10 marzo: nel panorama delle gare della domenica non poteva mancare all’appello la nostra regione, ed ecco allora la 18° edizione della “maratonina della solidarietà”, una dieci chilometri (in realtà 9,800 km….) che è un classico da queste parti, ma più che la gara podistica in sè, è invece il messaggio di “rifiuto e lotta alla droga” che trova massimo interesse. Un territorio sicuramente non facile, dove coesistono da anni diverse comunità etniche, ma che in occasione di questa manifestazione si ritrova unito e coeso. Il popolo dei runners campani ha risposto presente come sempre e sono stati in 760 gli arrivati al traguardo. Percorso cambiato ma comunque variegato su due giri e con diversi tratti corsi sui lastroni tipici di questa zona. Vittoria di Gilio Iannone in 30.56 media 3.09/km, davanti a Giorgio Nigro 31.18 e Marco Visci 31.48. In campo femminile affermazione netta per Filomena Palomba in 38.57, davanti a Rosmary Antico 40.54 e Annamaria Battipaglia 41.12. Presente in gara il nostro Giuseppe Sateriale giunto 29° assoluto con il crono di 36.26 media 3.43/km. LA REDAZIONE - 10 marzo 2019

Archivio news

  • Vittoria APB e di Nicchiniello a Colle Sannita

    Vittoria APB e di Nicchiniello a Colle Sannita

    Colle Sannita BN domenica 19 maggio: quinta edizione della “Decocolle...

    leggi articolo
  • A Campobasso il 19° trofeo Avis-Admo

    A Campobasso il 19° trofeo Avis-Admo

    Nel cuore del mese di maggio sembriamo quasi aver perso le tracce della primavera, ed ecco l...

    leggi articolo
  • Le gare del week-end: 5 maggio

    Le gare del week-end: 5 maggio

    Prima domenica del mese di maggio caratterizzata da un Italia spaccata in due dal punto di vista ...

    leggi articolo
  • Gilio Iannone e Janat Hanane sul trono della Strabenevento

    Gilio Iannone e Janat Hanane sul trono della Strabenevento

    Benevento 1 maggio 2019: questa volta sovvertendo l’ordine dell’arti...

    leggi articolo